Time Machine non funziona: ecco come risolvere

Share

Stai provando ad eseguire un backup del Mac e dopo pochi secondi ti rendi conto che Time Machine non funziona. Non essendo molto esperto del sistema operativo di casa Apple, hai cercato un aiuto sul Web e sei capitato su questa pagina? Sono sicuro che le cose siano andate più o meno così, quindi ti riassicuro subito dicendoti che sei capitato nell’articolo giusto.

Time Machine è senza dubbio una funzionalità fantastica, infatti, in pochissimi clic permette di creare o ripristinare un backup di macOS. Tuttavia, l’app di ripristino di Apple non è esente da problemi, infatti, nel tempo possono capitare diversi mal funzionamenti.

Nella maggior parte dei casi si tratta di problemi facilmente risolvibili, quindi non devi assolutamente preoccuparti. Nei paragrafi che seguono, trovi tutte le procedure da effettuare quando Time Machine non funziona, sono sicuro che dopo aver letto tutti i capitoli di questa guida e messo in pratica i consigli presenti su quest’ultima, riuscirai a risolvere il problema.

Cosa fare quando Time Machine non funziona

Gli errori di Time Machine possono essere causati da problemi di sistema o dall’unità esterna sulla quale stai tentando di salvare il backup. Di conseguenza, quando Time Machine non funziona, le procedure da effettuare per provare a risolvere il problema in pochi minuti, sono diverse. Sotto trovi tutte queste operazioni, descritte nel dettaglio. Ti consiglio di eseguirle nell’ordine in cui sono state riportate.

Controlla lo spazio disponibile sul disco

Per prima cosa, ti consiglio di controllare se sull’unità esterna che desideri utilizzare come disco di backup ci sia abbastanza spazio libero.

Se lo spazio residuo è poco, elimina i file che non ti servono o spostali su un altro disco e poi prova ad avviare nuovamente il backup con Time Machine.

Controlla il file system dell’unità esterna

Per salvare i backup di Time Machine su un disco esterno, quest’ultimo deve essere formattato utilizzando il file system “Mac OS esteso (Journaled)” e lo schema “Mappa partizione GUID”. Se hai formattato in precedenza l’unità esterna su Windows, molto probabilmente avrai utilizzato come file system NTFS o FAT e questo non va bene. Stesso discorso se hai formattato il disco su MAC utilizzando un file system APFS.

Quindi, ti suggerisco di controllare il tipo di file system presente sull’unità esterna che intendi utilizzare con Time Machine, per farlo:

  • Collega l’unità esterna al Mac;
  • Apri il Finder;
  • Dal menu laterale sinistro, individua l’icona del disco esterno, quindi clicca con il tasto destro su quest’ultima;
  • Fai clic sulla voce “Ottieni informazioni”;

Se accanto alla voce “Formato” visualizzi un file system diverso da “Mac OS esteso (Journaled)”, dovrai formattare nuovamente l’unità esterna.

Per formattare l’hard disk sul Mac i passaggi da effettuare sono i seguenti:

  • Premi i tasti CMD + SPAZIO;
  • Digita “Utility disco” e fai clic sul primo risultato o premi INVIO;
  • Dal menu laterale sinistro di Utility disco, seleziona l’icona dell’unità esterna che desideri formattare;
  • Clicca sul pulsante “Inizializza”, presente in alto;
  • Nella finestra che si apre, digita nel campo “Nome” il nome da assegnare al disco, utilizzando il menu a tendina presente accanto alla voce “Formato”, seleziona la voce “Mac OS esteso (journaled)” e tramite il menu a tendina presente accanto alla voce “Schema”, seleziona la voce “Mappa partizione GUID”.
  • Clicca sul pulsante “Inizializza” per avviare la formattazione.

Rimuovi i file temporanei di Time Machine

Quando avvii un backup con Time Machine, quest’ultimo crea alcuni file temporanei che serviranno all’app per concludere con successo l’operazione. Se durante il processo avviene un errore, magari perché l’app si blocca o perché hai sbadatamente rimosso il disco dal Mac, i file temporanei potrebbero rimanere salvati sul disco e creare problemi con i backup successivi.

Per individuare ed eliminare questi file, la procedura da effettuare è la seguente:

  • Clicca sull’icona Apple, quella a forma di mela, presente in alto a sinistra nella barra dei menu;
  • Fai clic sulla voce “Preferenze di Sistema”;
  • Clicca sull’icona “Time Machine”;
  • Rimuovi il segno di spunta dalla voce “Backup automatico” e chiudi la finestra di Time Machine;
  • Avvia il Finder;
  • Apri il disco esterno che vuoi utilizzare per effettuare il backup;
  • Individua ed apri la cartella “Backups.backupdb”;
  • Sposta nel Cestino tutti i file e le cartelle che terminano con “inProgress”;
  • Svuota il Cestino e riavvia il Mac;
  • Dopo il riavvio, apri nuovamente Time Machine e prova ad effettuare il backup.

Reset SMC

Se le soluzioni descritte in precedenza non hanno portato ad un esito positivo, molto probabilmente il problema è causato da un errore di sistema. In questo caso, come prima procedura ti consiglio di effettuare un reset dell’SMC.

Su MacBook dotati di chip di sicurezza T2:

  • Spegni il Mac e scollega l’alimentatore;
  • Tieni premuti per 7 secondi i tasti CTRL + ALT + MAIUSCOLO (sul lato destro della tastiera);
  • Dopo 7 secondi, continuando a tenere premuti i tasti CTRL + ALT + MAIUSCULO, premi e tieni premuto per altri 7 secondi anche il TASTO D’ACCESSIONE;
  • Accendi il Mac.

Su MacBook senza chip di sicurezza T2:

  • Spegni il Mac e scollega l’alimentatore;
  • Tieni premuti per 10 secondi i tasti CTRL + ALT + MAIUSCOLO + TASTO D’ACCESIONE;
  • Accendi il Mac;

Su iMac, Mac Pro e Mac mini:

  • Spegni il Mac e scollega il cavo d’alimentazione;
  • Attendi 20 secondi;
  • Ricollega il cavo d’alimentazione;
  • Attendi altri 5 secondo, quindi accendi il Mac.

Ripristino PRAM

Se ancora Time Machine non funziona, prova a ripristinare il PRAM.

  • Spegni il Mac;
  • Accendi il Mac e tendo premuti i tasti CMD + ALT + P + R e continua a tenere premuta la combinazione di tasti fino a quando non senti due volte il segnale acustico di avvio.

Conclusioni

A questo punto il problema di Time Machine dovrebbe essere risolto, in caso contrario, ti consiglio di effettuare una scansione con un buon anti-malware. Se il problema persiste, ti suggerisco di contattare l‘assistenza clienti Apple.